La nostra
storia

Con passione, da oltre 150 anni

dal 1865 a Napoli

Tramontano nasce dall’antica tradizione partenopea della lavorazione del cuoio e della pelle, la sua è una storia d’arte, di creatività e d’ ispirazione che da più di un secolo rende ogni prodotto Tramontano unico, attuale oltre la moda.

L’evoluzione del brand è come un lungo viaggio nella produzione di borse, valigie e accessori di lusso che si snoda attraverso il tempo, sino ad arrivare ai giorni odierni, tracciando un percorso all’insegna della sapienza artigianale, della ricerca e dello stile.
E’ un marchio in continua evoluzione che è riuscito a bilanciare i valori storici della tradizione con la contemporaneità, creando un ponte tra passato e presente.
I suoi prodotti sin dalla sua nascita rassicurano e incantano una clientela raffinata, in cerca di esclusività.

storia_dettaglio_1
storia_dettaglio_3
storia_dettaglio_2

Sapienza artigianale, creatività e prestigio

L’origine del logo Tramontano

Il tratto grafico del marchio Tramontano è ancora una volta simbolo di arte, creatività e tradizione.
E’ la rappresentazione di due animali marini, i lamantini o dugonghi, grandi mammiferi misteriosi, unici e rari, ormai in via di estinzione, presenti nel Mediterraneo fino al 18° secolo.
Si crede che la visione di questi animali che nuotano ergendosi dal mare, abbia dato vita al mito delle sirene e ad altre leggende fin dall’età greco-romana.
Simboli quindi d’incanto, di storia, di affascinante unicità hanno ispirato artisti di grande fama che proprio a Napoli, hanno realizzato monumenti come la Fontana del Sebeto e la Fontana dell’Immacolatella.
Il marchio Tramontano, quindi dal forte impatto emozionale, è vissuto, così come i prodotti che crea, quale testimone di tradizione, creatività e di arte; amplificato da quel “Panorama” ormai riconoscibile e riconosciuto quale immagine iconografica dell’azienda che ancora una volta testimonia lo stretto legame tra la cultura mediterranea e il brand.

L’immagine Panorama, invece, nasce dal tratto grafico rappresentante il Vesuvio affacciato sul golfo di Napoli ordito sul tessuto delle fodere delle prime creazioni Tramontano. Negli anni ’70 sotto ispirazione delle illustrazioni dell’artista Saul Steinberg, uno dei più importanti disegnatori del XX° secolo, ed in particolari dell’opera “View of the world from 9th avenue” proposta come copertina del New Yorker nel Marzo del 1976, Aldo Tramontano disegna il “suo golfo di Napoli”, che partendo da Via Caracciolo si affaccia su tutto il Mediterraneo mostrando tra Tritoni e Sirene oltre Capri e Procida, la Grecia, la Tunisia, Ibiza e la Sicilia.

0